ANCE: Edilizia 4.0 e rigenerazione urbana

ANCE: Edilizia 4.0 e rigenerazione urbana

Il XVII Convegno dei Giovani Imprenditori Edili, che si è tenuto a Roma il 16 maggio, ha sottolineato l’importanza un approccio e uno sguardo “nuovi” sul processo produttivo, che tenga in considerazione l’immaginazione e la volontà di ripensare a un futuro in cui riutilizzo, rigenerazione e digitalizzazione siano tenuti in considerazione sempre maggiore, per innovare il settore edile e segnare una via conforme agli standard europei e mondiali.

Il vicepresidente ANCE, Nicola De Santis, punta soprattutto sull’innovazione come volano per la crescita del settore, dal momento che il bene immobile, e in particolare la casa, non è più soltanto una necessità ma deve essere sempre più una fonte di benessere per chi ci abita. La”spending review” fondamentale nel nostro Paese deve puntare sul risparmio energetico, uno dei nodi cruciali fra gli obiettivi economici e ambientali da risolvere entro il 2020, anche migliorando e ampliando il sistema degli ecobonus a privati e imprenditori per la messa in regola degli impianti.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 585 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Approvata la SCIA 2

Il decreto noto come SCIA 2, che regolamenta fra l’altro le attività di edilizia privata che saranno soggette ad assenso pubblico, da ieri è diventata legge. Il Governo ha infatti

Attualità

Terremoti: il modello Umbria ha evitato la tragedia

Il terremoto che ha colpito il centro-Italia alle 7:40 del 29 ottobre, di magnitudo 6.5 secondo il centro nazionale INGV, ha portato vasti crolli ma ha evitato che i danni

Attualità

Come richiedere il Nulla osta di Fattibilità

Il documento che si configura come N.o.f. , ovvero il nulla osta di fattibilità introdotto con il d.p.r n. 151/2011, è richiesto quando il progetto presentato sia di elevata complessità.