0 2304 Views

Bim: Agenzia del Demanio e collaborazione con Atenei

L’Agenzia del Demanio ha recentemente avviato una collaborazione con tre importanti atenei italiani (il Politecnico di Milano, la Sapienza di Roma e la Federico II di Napoli) per valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico e diffondere la nuova tecnologia digitale basata sul modello Bim (Building Information Modeling) che prevede l’uso di appositi software di digitalizzazione 3D da utilizzare nei campi dell’edilizia e delle costruzioni per prevenire gli errori tecnici e dimezzare i tempi e i costi nei preventivi.

All’Agenzia del Demanio appartengono infatti circa 45 mila edifici, il nuovo approccio e la collaborazione con gli Atenei per l’utilizzo del Bim è già partito con i lavori di manutenzione straordinaria de La Certosa di Pavia, che ha ottenuto dei finanziamenti per l’avvio dei lavori pari a 1,5 milioni di euro grazie al piano Sblocca Italia. Sempre a Pavia, sono già cominciati i lavori di ristrutturazione del Palazzo di Giustizia. Altri progetti sono stati avviati anche a Monza e in Liguria, Toscana e Puglia.

Previous Salone del Restauro Musei di Ferrara
Next Seminario Somex su Formazione e innovazione per il settore delle costruzioni

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Deroga sull’appalto integrato: secondo i Comuni è inutile

Il correttivo al codice appalti recentemente approvato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale, relativo alle correzioni per l’appalto integrato, rischia di risolversi in un flop. Il correttivo infatti mira, fra le

Lavoro

In aumento i contributi dei professionisti

Riguardo la dichiarazione dei redditi e del volume d’affari relativo al 2017, si segnalano diversi aumenti nei contributi previdenziali dovuti da alcune categorie professionali fra cui avvocati, ragionieri, periti industriali,

Lavoro

Il 12,8% del Pil è merito dei professionisti

Secondo il recente Rapporto 2017 sulle libere professioni, pubblicato dall’Osservatorio di Confprofessioni le professioni producono il 12,8 del Pil nazionale e anche negli anni in cui la crisi economica si