Bim: Agenzia del Demanio e collaborazione con Atenei

Bim: Agenzia del Demanio e collaborazione con Atenei

L’Agenzia del Demanio ha recentemente avviato una collaborazione con tre importanti atenei italiani (il Politecnico di Milano, la Sapienza di Roma e la Federico II di Napoli) per valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico e diffondere la nuova tecnologia digitale basata sul modello Bim (Building Information Modeling) che prevede l’uso di appositi software di digitalizzazione 3D da utilizzare nei campi dell’edilizia e delle costruzioni per prevenire gli errori tecnici e dimezzare i tempi e i costi nei preventivi.

All’Agenzia del Demanio appartengono infatti circa 45 mila edifici, il nuovo approccio e la collaborazione con gli Atenei per l’utilizzo del Bim è già partito con i lavori di manutenzione straordinaria de La Certosa di Pavia, che ha ottenuto dei finanziamenti per l’avvio dei lavori pari a 1,5 milioni di euro grazie al piano Sblocca Italia. Sempre a Pavia, sono già cominciati i lavori di ristrutturazione del Palazzo di Giustizia. Altri progetti sono stati avviati anche a Monza e in Liguria, Toscana e Puglia.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

Attestato Prestazione Energetica: quali ingegneri non necessitano di corsi di formazione specifici?

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, esprimendo un parere richiesto dalla Regione Lazio sull’argomento dei nuovi attestai APE per le prestazioni energetiche degli edifici riprende la circolare del Consiglio degli Ingegneri

Lavoro

Responsabilità professionale: giro di vite dalla Cassazione

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n.25112 del 24 ottobre 2017, ha deciso che i professionisti sono responsabili dei danni causati a un cliente anche laddove non ci

Lavoro

CUP e RPT chiedono dove sia l’equo compenso promesso ai professionisti

In un comunicato stampa presentato al Governo in maniera congiunta dal Comitato Unitario delle Professioni (CUP) e dalla Rete delle Professioni Tecniche (RPT) le due associazioni di categoria si interrogano