Parte il piano governativo per l’efficienza energetica degli immobili pubblici
2266 Views

Parte il piano governativo per l’efficienza energetica degli immobili pubblici

Anche gli edifici di proprietà della pubblica amministrazione dovranno essere allineati alle nuove direttive europee sul tema dell’efficienza energetica: il decreto Mise-Ambiente, approvato recentemente, ha valutato gli interventi totali su capitanerie, caserme, prefetture, accademie militari ed edifici affini per un totale di 355 milioni. Gli interventi saranno finanziati con specifici fondi comunitari.

Il piano prende il nome di Programma di riqualificazione energetica della Pubblica Amministrazione centrale (PREPAC) e sarà utile a migliorare di almeno il 3% l’efficienza degli immobili di proprietà pubblica oggetto di intervento, così come stabilito dalla direttiva UE 2012/27 sull’efficienza energetica, che in Italia ha subito dei ritardi di attuazione. Per quanto riguarda gli edifici di nuova costruzione, dovranno rispettare il più alto livello di efficienza fissato dalla direttiva anche se costruiti entro il 2019 (l’obbligo per gli edifici pubblici arriva dunque due anni prima rispetto agli edifici privati, per cui quest’obbligo partità dal 2021).

Previous Fiera Io Casa a Riva del Garda
Next Nuovi finanziamenti dal Fondo Sviluppo e Coesione

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Edilizia: Rimborsi IVA in via prioritaria

Il nuovo decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze datato 29 aprile 2016 informa che anche il settore edile usufruirà del rimborso in via prioritaria, a partire dal secondo trimestre

Attualità

Sanzioni per chi viola obbligo di tracciabilità

La legge impone ai datori di lavoro e ai committenti l’obbligo di pagamento con sistemi tracciabili, e quindi non in contanti a meno che il datore di lavoro non abbia

Attualità

Blocco dei pagamenti pubblici a contribuenti inadempienti col fisco

Dal 1° marzo si abbasserà ulteriormente la soglia minima per la sospensione dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni e degli enti a totale partecipazione pubblica destinati ai contribuenti su