0 1816 Views

Proposte Legambiente per la legge di Bilancio 2017

L’associazione Legambiente ha predisposto 15 proposte di intervento al Governo per tutelare il territorio e ridisegnare la fiscalità a misura dell’ambiente e delle nuove direzioni green delle politiche economiche internazionali, in particolare alla luce dell’accordo internazionale sul clima alla COP21 di Parigi. Le proposte riguardano diversi settori, dall’edilizia verde al riuso, dal riciclo alla mobilità sostenibile. Secondo l’Associazione sono degli interventi chiari e fattibili, ma soprattutto presentati nell’interesse generale.

Le proposte sono volte a supportare gli investimenti nel campo dell’innovazione, per reperire maggiori risorse e risparmiare sui costi del lavoro ma per farlo è necessario abolire i privilegi e le rendite che godono i proprietari di cave, acque di sorgente concessioni balneari ed estrazione di petrolio e gas, dove i canoni estrattivi sono particolarmente bassi se confrontati con quelli di altri paesi europei ed extra-europei, e in alcuni territori italiani sono addirittura gratuiti. La versione integrale del documento può essere letta .

Previous Architettura: arriva il premio Hassan Fathy
Next Parte OpenDemanio, il portale per la trasparenza sui cantieri demaniali

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Nel 2018 rinnovabili al 50% del fabbisogno

Una delle più grandi novità a favore dell’ambiente nel 2018 sarà l’obbligo, per gli edifici di nuova costruzione, di avere degli impianti che rispondano a esigenze di risparmio energetico e

Ambiente

Indipendenza fra condono edilizio e ambientale

Con la recente sentenza n. 29979 del 9 luglio 2019 la Corte di Cassazione chiarisce come la sanatoria riguardante il settore edilizio, che fa riferimento alla normativa urbanistica, e il

Ambiente

UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

La Direttiva UE 31/2010/CE è stata recepita in Italia e introduce l’obbligo, per tutti gli edifici pubblici costruiti dal 2019 in avanti, di dotarsi di impianti  a energia quasi zero