Parte OpenDemanio, il portale per la trasparenza sui cantieri demaniali

Parte OpenDemanio, il portale per la trasparenza sui cantieri demaniali

Il portale istituzionale OpenDemanio è un’iniziativa per migliorare la trasparenza e la comunicazione con cittadini e professionisti nel settore costruzioni da parte del Demanio. Grazie al portale sarà possibile conoscere la geolocalizzazione di tutti gli immobili di proprietà statale sul territorio italiano, la loro consistenza e il valore economico di ogni struttura e grazie alla sezione “open data” anche tutti i flussi informativi riguardanti ciascun immobile.

Una delle novità del sito consiste nella possibilità di conoscere attraverso il web anche tutti i cantieri aperti e riguardanti il patrimonio immobiliare demaniale, suddivisi per stato di avanzamento dei lavori, dal bando di gara fino ai cantieri conclusi. Per ora sono presenti 18 progetti relativi al programma pluriennale di razionalizzazione e manutenzione, per un totale di 320 milioni di euro. Il sito è disponibile all’indirizzo dati.agenziademanio.it.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Google Earth anti-condono

Da oggi le immagini satellitari e le riprese di Google Earth potranno essere utilizzate come prove documentali per denunciare abusi edilizi. Questo quanto emerso dalla sentenza n. 1604/2018 del Tar

Attualità

In arrivo fattura elettronica precompilata

Fatturazione Elettronica Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Antonino Maggiore, ha annunciato che l’AdE metterà a disposizione degli utenti e degli operatori dotati di partita iva un modello precompilato di fattura

Attualità

Good news sull’obbligo di POS

L’obbligo di POS e pagamenti con moneta elettronica o carta di credito anche per le prestazioni offerte da professionisti con partita iva aveva fatto storcere il naso a molti, soprattutto