Geraci 2.0: una città in transizione

Geraci 2.0: una città in transizione

Geraci 2.0 una città in transizione è il nome del nuovo concorso di idee che verrà lanciato a fine settembre dall’Amministrazione Comunale di Geraci in collaborazione con l’Ordine degli Architetti per dare un nuovo volto alla cittadina sicula delle Madonie e sperimentare le nuove possibilità offerte dalla progettazione partecipata. Il bando sarà progettato da quattro professionisti nel campo dell’architettura e gli articoli che andranno a formare il bando discussi tramite assemblee pubbliche e workshop mirati. Il sistema è una conquista anche per tutta la categoria professionale in questione: “Da sempre noi architetti auspichiamo la strada dei concorsi per il raggiungimento della qualità dell’architettura” ha commentato il presidente dell’Ordine, Franco Miceli.

Le potenzialità del comune medievale, iscritto fra i Borghi più belli d’Italia, troveranno nuova linfa vitale grazie alle idee e alle progettazioni per lo sviluppo urbano che saranno il focus del concorso di idee, soprattutto in un momento così importante per il Comune di Geragi qual è l’inizio del Programma Triennale delle Opere pubbliche 2016-2018. La selezione delle idee vincitrici verrà conclusa entro il mese di dicembre 2016.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 538 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Bandi

Fondi europei per progetti Low Carbon

Grazie all’accordo – partenariato fra il nostro Paese e l’Unione Europea siglato per il periodo 2014-2020 sarà reso disponibile un fondo di 5,2 miliardi di euro per la conversione degli

Bandi

Bando MiBACT per Comuni danneggiati da attività industriale

Il Ministero dei Beni Culturali e il Ministero per l’Ambiente hanno pubblicato un bando, il cui fondo complessivo ammonta a 450 mila euro, per aiutare i Comuni italiani il cui

Bandi

Mutui per interventi di trasformazione edilizia in Valle d’Aosta

L’Assessorato regionale alle attività produttive della Valle d’Aosta, secondo quanto previsto dalla Legge Europea regionale 2015, ha approvato la concessione di mutui ai privati per la trasformazione edilizia e l’impiantistica