0 2119 Views

Pubblicato il nuovo Accordo sulla formazione dei responsabili e degli addetti dei servizi di prevenzione e protezione

Il 7 luglio è stato approvato il nuovo accordo che ridefinisce le regole per la formazione dei responsaboli e degli addetti ai servizi di prevenzione e prevenzione, pubblicato dalla Conferenza Stato – Regioni. Le nuove linee guida sostituiscono gli accordi su durata e contenuti minimi dei percorsi formativi Rspp e Aspp, precedentemente regolati dall’accordo del 21 gennaio 2006 e dal decreto legislativo del 9 aprile 2008.

L’Accordo definisce in prima istanza quali titoli di studio sono validi per ottenere l’esonero dai corsi formativi obbligatori Rspp e Aspp, che vengono definiti nel dettaglio nel testo. Nero su bianco vengono messi anche gli organismi e gli enti atti alla formazione, i sistemi di accreditamento e l’organizzazione dei corsi specifici: i soggetti promotori dovranno inoltre indicare i docenti incaricati per ogni materia. Il numero massimo di partecipanti per ogni corso è fissato sulle 35 unità e la frequenza minima per ottenere l’accredito di Rspp e Aspp è pari al 90% delle lezioni.

L’Accordo contiene anche nuove disposizioni integrative e correttive sul tema della formazione sulla sicurezza del lavoro e il riconoscimento dell’istituto dell’e-learning, dei metodi formativi e le strategie formative riconosciuti, oltre alle categorie esonerate fra cui il Medico competente dipendente d’azienda.

Il nuovo accordo entrerà in vigore dopo quindici giorni dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

Previous Heroes, il festival dell’innovazione a Maratea
Next Emilia Romagna: la Giunta Regionale approva il nuovo Testo Unico sulla legalità

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Sismabonus: il tetto massimo che blocca i capannoni

Con l’ultimo decreto Sismabonus contenuto nella Legge di Bilancio n.232/2016 molte opere di adeguamento di capannoni per attività commerciali rischiano di essere bloccate perché non rientrano nel tetto massimo di

Attualità

La protezione verifica gli edifici dopo il sisma: il 55% risultano non agibili

Dopo il grave sisma che ha colpito il centro Italia lo scorso 24 agosto, il Dipartimento per la Protezione Civile ha cominciato a effettuare sopralluoghi e verifiche per controllare quali

Attualità

In Italia sono 637 le opere incompiute

Spesso conosciute con il famigerato nome di “ecomostri” le opere incompiute e abbandonate a se stesse in Italia sono ben 637, pur registrando un significativo calo rispetto al 2017 in