Nuovi obblighi per la contabilizzazione del calore

Nuovi obblighi per la contabilizzazione del calore

Il Dlgs 102/14 impone per i condomini la contabilizzazione del calore diretta, ovvero deve essere installato un contatore per ogni unità abitativa: questo per recepire la direttiva europea 27/2012/EU che obbliga l’Italia, così come gli altri Paesi membri, a una maggior efficienza energetica. Tutti i condomini dovranno adeguarsi alla nuova norma entro il 31 dicembre del 2016.

In Italia è ampissimo il numero di edifici e condomini costruiti prima del 1950 (le percentuali si aggirano intorno al 17%) o fra gli anni Cinquanta e gli anni Ottanta (in questo caso la percentuale sale al 60%): gli edifici di vecchia costruzione non tengono in alcun conto l’efficienza energetica, per questo sarà necessaria una riqualificazione degli impianti esistenti nell’ottica dei nuovi obblighi di legge. Il nuovo decreto legislativo ha un obiettivo dichiarato da raggiungere entro il 2020, che corrisponde alla riduzione riduzione di 20 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio dei consumi di energia primaria negli edifici residenziali sul nostro territorio nazionale e il miglioramento dell’efficienza energetica negli immobili della Pubblica Amministrazione.

Previous Macchine per costruzione in linea con l’ecosostenibilità
Next Novità per la segnalazione certificata di inizio attività SCIA

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Nuovo Sismabonus: dubbi e incertezze sulle zone sismiche

L’Ordine degli Ingegneri di Milano, dando voce a tanti professionisti che al momento dell’entrata in vigore del regolamento noto come Sismabonus si erano fatti la stessa domanda, hanno richiesto una

Attualità

Albo dei Periti Industriali: obbligo di laurea

A partire dal 2021 si potranno iscrivere all’albo nazionale dei Periti Industriali solo i professionisti che abbiano nel loro curriculum di studi almeno una laurea triennale, il motivo della scadenza

Attualità

Via gli studi di settore, arriva l’indicatore di affidabilità

Il fisco mette in pensione il metodo degli studi di settore, utilizzati per misurare i compensi e i ricavi dei liberi professionisti e delle attività commerciali, che spesso non assicuravano