Novità per la segnalazione certificata di inizio attività SCIA

Novità per la segnalazione certificata di inizio attività SCIA

In questi giorni la Commissione per gli Affari Istituzionali ha cominciato i lavori per realizzare un decreto legislativo incentrato sulla segnalazione certificata di inizio attività SCIA. Lo schema normativo fa parte delle nuove leggi di riforma della Pubblica amministrazione per snellire la burocrazia. Le principali novità riguarderanno la messa a punto di moduli unici standardizzati per la comunicazione e la segnalazione SCIA, che verranno pubblicati nei siti istituzionali di riferimento in un’ottica di trasparenza.

Fino ad oggi infatti oltre al documento SCIA le imprese che vogliano comunicare alla pubblica amministrazione l’inizio, la modifica o la cessazione di attività devono presentare diverse altre istanze, definite dagli addetti ai lavori SCIA plurima. Con il nuovo decreto legislativo la comunicazione fra imprese e Pubblica amministrazione avrà delle tempistiche più rapide e il processo sarà semplificato con la presentazione di un unico documento.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 626 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Nuove regole per il Mepa

Il mercato elettronico della Pubblica Amministrazione gestita da Consip per il Ministero dell’Economia avrà dal 23 giugno nuove regole che permetteranno l’ingresso di sempre più imprese, in particolare per appalti

Attualità

Patto per Napoli: l’accordo fra il sindaco De Magistris e Renzi per edilizia e trasporti

Il premier Renzi e il primo cittadino della città partenopea De Magistris hanno firmato il 13 ottobre l’accordo “Patto per Napoli”, che prevede investimenti pari a 308 milioni di euro

Attualità

Concessioni di servizi nel nuovo D.lgs. 50/2016

Prima della pubblicazione del nuovo decreto legislativo 50/2016, che accoglie le direttive europee su appalti e contratti pubblici, un concessionario di servizi era scelto tramite concertazione di almeno cinque operatori