Incentivi per impianti geotermici tecnologici

Incentivi per impianti geotermici tecnologici

Nel più ampio panorama della riconversione a fonti di energia rinnovabile e della de-carbonizzazione, il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha firmato la bozza di decreto che prevede interessanti incentivi per le aziende che utilizzano impianti geotermici ad alta tecnologia e a basso impatto ambientale. Gli incentivi si tradurranno in premi e tariffe speciali da applicarsi agli impianti in questione.

L’iniziativa è da ascrivere nella nuova Strategia Energetica Nazionale, già approvata sul finire del 2017. Gli incentivi per gli impianti geotermici ad alta tecnologia verranno applicati se le tecnologie disponibili saranno in grado di abbattere di almeno il 95% il livello di idrogeno solforato e mercurio che sono presenti nei materiali in ingresso negli impianti, e per gli impianti che non sviluppano emissioni di processo, per questo si parla di impianti geotermici altamente tecnologici, che costituiscono il futuro per l’efficientamento energetico e il rispetto ambientale richiesti dai trattati internazionali.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 624 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Mancano 6 mesi per usufruire dei bonus della Legge di Stabilità 2016

Sono già trascorsi sei mesi dalla pubblicazione della nuova legge di Stabilità che ha permesso di ottenere sgravi fiscali fra il 50% e il 65% per opere di ristrutturazione, riqualificazione

Attualità

Nuova bozza Normativa Anticendio

La nuova normativa antincendio, che dovrebbe superare l’attuale Testo Unico sulla sicurezza risalente a ormai dieci anni fa, è in questi giorni al vaglio del Comitato centrale tecnico scientifico per

Attualità

Casa Italia, il piano per la sicurezza e l’edilizia

Dopo gli ultimi tragici avvenimenti e la devastazione dei territori colpiti dal terremoto il 24 agosto, l’Italia comincia a interrogarsi sulla necessità di migliorare la sicurezza, soprattutto nelle zone sismiche.