Incentivi per impianti geotermici tecnologici

Incentivi per impianti geotermici tecnologici

Nel più ampio panorama della riconversione a fonti di energia rinnovabile e della de-carbonizzazione, il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha firmato la bozza di decreto che prevede interessanti incentivi per le aziende che utilizzano impianti geotermici ad alta tecnologia e a basso impatto ambientale. Gli incentivi si tradurranno in premi e tariffe speciali da applicarsi agli impianti in questione.

L’iniziativa è da ascrivere nella nuova Strategia Energetica Nazionale, già approvata sul finire del 2017. Gli incentivi per gli impianti geotermici ad alta tecnologia verranno applicati se le tecnologie disponibili saranno in grado di abbattere di almeno il 95% il livello di idrogeno solforato e mercurio che sono presenti nei materiali in ingresso negli impianti, e per gli impianti che non sviluppano emissioni di processo, per questo si parla di impianti geotermici altamente tecnologici, che costituiscono il futuro per l’efficientamento energetico e il rispetto ambientale richiesti dai trattati internazionali.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 615 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

SOA: non avranno più obbligo di sede in Italia

Se ne discuteva già da tempo alla Corte Europea: le SOA, ovvero le Società Organismi di Attestazione, che nel nostro Paese avevano obbligo di sede legale in Italia, sono considerate

Attualità

ANCE: Edilizia 4.0 e rigenerazione urbana

Il XVII Convegno dei Giovani Imprenditori Edili, che si è tenuto a Roma il 16 maggio, ha sottolineato l’importanza un approccio e uno sguardo “nuovi” sul processo produttivo, che tenga

Attualità

Albo dei Periti Industriali: obbligo di laurea

A partire dal 2021 si potranno iscrivere all’albo nazionale dei Periti Industriali solo i professionisti che abbiano nel loro curriculum di studi almeno una laurea triennale, il motivo della scadenza