Legge stabilità 2016 e bonus ristrutturazione alberghi
1382 Views

Legge stabilità 2016 e bonus ristrutturazione alberghi

La legge di stabilità nazionale 2016 conferma quanto contenuto nel Decreto legislativo n.83 del 2014 e conferma il credito di imposta pari al 30% per i proprietari di alberghi che decidono di ristrutturare o aumentare la cubatura dello stabile, secondo i tetti massimi stabiliti. L’agenzia delle entrate, con una circolare datata al 18 maggio 2016, ha confermato la possibilità mettendo però in chiaro che la richiesta deve essere effettuata con il modello F24 specifico e inoltrata con le nuove modalità di invio telematico.

Il tetto massimo per avere il bonus del 30% in credito di imposta è per lavori di importo inferiore o uguale a 200 mila euro ed è disponibile anche per lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria, efficientamento energetico degli impianti ed eliminazione delle barriere architettoniche secondo le nuove leggi. I fondi statali disponibili stanziati per il triennio 2016 – 2019 sono pari a 50 milioni di euro, il bonus verrà ripartito in credito di imposta per i tre anni successivi all’approvazione della richiesta.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Problemi di transizione al Nuovo Codice Appalti

Il nuovo Codice Appalti entrato in vigore lo scorso 20 aprile, che contiene una serie di nuove norme riferite agli appalti e alle modalità di partecipazione a lavori commissionati dalla

Attualità

L’Agenzia delle Entrate e i nuovi modelli fiscali

Sono già pronti e disponibili nel sito dell’Agenzia delle Entrate i nuovi modelli 2019 per il 730 – Dichiarazione dei redditi, modello Unico, Iva, Iva 74 bis, 770 e Cupe.

Attualità

Via libera all’Autorizzazione paesaggistica semplificata

Le Commissioni Ambientali Parlamentari hanno approvato il regolamento noto come Autorizzazione paesaggistica semplificata, che diventerà operativa dopo qualche piccola modifica richiesta dalle commissioni stesse, che richiedono in particolare di limitare