Edilizia scolastica: adeguamento norme antincendio
1457 Views

Edilizia scolastica: adeguamento norme antincendio

Il decreto ministeriale del 12 maggio 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 25 maggio, impone obblighi di adeguamento alle norme antincendio per gli edifici scolastici entro il 26 agosto di quest’anno. Tutte le scuole che non siano dotate di piani antincendio a norma di legge dovranno adeguarsi alle nuove disposizioni e predisporre dei progetti per adeguarsi, i lavori potranno seguire due diversi step, le deadline governative sono il 26 agosto e il 26 novembre, data alla quale l’adeguamento alle nuove norme antincendio dovrà essere completato.

Al termine dei lavori, e comunque non oltre il 31 dicembre 2016, è necessario presentare una specifica certificazione di inizio attività, mentre sono esentati da quest’obbligo gli edifici scolastici che, alla data di entrata in vigore del decreto, abbiano già un certificato di prevenzione degli incendi in corso di validità.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Le nuove definizioni del regolamento unico edilizio

Gli uffici tecnici comunali, provinciali e regionali tirano un sospiro di sollievo grazie alle 42 nuove definizioni standardizzate, relative al settore edilizio e delle costruzioni, che saranno contenute nel nuovo

Attualità

Le fondamenta valgono come inizio lavori

Non è facile capire quando per un cantiere si può parlare di inizio dei lavori, così la recente sentenza del Consiglio di Stato n. 467/2018 ha chiarito con precisione che

Attualità

Concessioni di servizi nel nuovo D.lgs. 50/2016

Prima della pubblicazione del nuovo decreto legislativo 50/2016, che accoglie le direttive europee su appalti e contratti pubblici, un concessionario di servizi era scelto tramite concertazione di almeno cinque operatori