Una nuova edilizia contro l’erosione costiera
1641 Views

Una nuova edilizia contro l’erosione costiera

Il Ministero per l’Ambiente e il Territorio ha avviato pochi giorni fa un Tavolo Nazionale per discutere e avviare dei piani per la protezione del territorio costiero. Secondo il ministro Gian Luca Galletti infatti i cambiamenti climatici, uniti al boom edilizio degli ultimi anni nel territorio, è responsabile di un degradamento delle coste italiane. Il contrasto del fenomeno erosivo e l’organizzazione di un piano di gestione integrata, anche nell’ottica comune dei Paesi dell’area Mediterranea, sono il focus della tavola rotonda in cui si sono discusse le nuove linee guida e i nuovi progetti per un’idea di edilizia e trasporti che sia sostenibile anche dal punto di vista ambientale.

Secondo il ministero l’erosione è un danno non solo ambientale, ma anche economico: è necessario tutelare la risorsa “mare”, per questo è necessario aumentare il dialogo fra professionisti nel settore edile e ricercatori scientifici, per individuare azioni comuni e progetti innovativi per gestire in maniera efficiente le aree a rischio erosione su tutto il territorio costiero nazionale.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

SERRA BIOCLIMATICA: La nuova frontiera della Ecoedilizia

È uno spazio realizzato in vetro o con materiali plastici trasparenti integrati o addossato a un edificio, utile a raccogliere e conservare la luce e il calore del Sole. La

Ambiente

Nuovi bonus per sostituire tetti in amianto

Il decreto Fer1 Grazie al nuovo decreto sulle energie rinnovabili (Decreto Fer1) sono stati stanziati 900 milioni di euro dedicati ad incentivare l’uso di fonti di energia rinnovabili. In particolare,

Ambiente

UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

La Direttiva UE 31/2010/CE è stata recepita in Italia e introduce l’obbligo, per tutti gli edifici pubblici costruiti dal 2019 in avanti, di dotarsi di impianti  a energia quasi zero