Cooperativa di Ravenna costruirà un tunnel nelle Filippine

Cooperativa di Ravenna costruirà un tunnel nelle Filippine

La CMC (Cooperativa Muratori e Cementisti) di Ravenna, una delle cooperative di costruzione con il fatturato più alto in Italia e nel mondo, si è aggiudicata un bando di gara da 68 milioni di euro per realizzare un lungo tunnel nel territorio di Manila, nelle Filippine. Il tunnel sarà lungo 6,4 chilometri e verrà realizzato con la tecnologia TBM (tunnel boring machine) e servirà a collegare il bacino di Ipo con l’impianto di sedimentazione di Bigte.

La durata dei lavori sarà quadriennale, il tunnel infatti dovrà essere pronto e operativo entro il 2020. La Cooperativa CMC aveva già operato nel Paese asiatico nel 2000 e questa è un’ulteriore conferma della professionalità italiana nel settore edilizio e dell’importanza strategica che il mercato asitico ricopre per l’economia del nostro Paese, come sottolinea il presidente di CMC, Roberto Macrì.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Dubai: il megaimpianto fotovoltaico dell’azienda italiana Ghella

Il raggruppamento di imprese costituito dall’italiana Ghella e dalle spagnole Gransolar e Acciona ha appena firmato a Dubai l’accordo per realizzare quello che diverrà il più grande impianto fotovoltaico esistente

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Aeroporto di Istanbul una nuova Torre di controllo

Il progetto, vincitore dell’International Architecture Award 2016 del Chicago Athenaeum, è stata disegnato da Pininfarina ed AECOM Una torre di forma ellittica ispirata ad un tulipano, simbolo di Istanbul e

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Saigon: ampi spazi in una piccola casa

Creare un appartamento ventilato e luminoso su un lotto di appena 3,5×12 metri, con una sola facciata rivolta verso la strada: questa la sfida raccolta e vinta dallo studio vietnamita