Cooperativa di Ravenna costruirà un tunnel nelle Filippine

Cooperativa di Ravenna costruirà un tunnel nelle Filippine

La CMC (Cooperativa Muratori e Cementisti) di Ravenna, una delle cooperative di costruzione con il fatturato più alto in Italia e nel mondo, si è aggiudicata un bando di gara da 68 milioni di euro per realizzare un lungo tunnel nel territorio di Manila, nelle Filippine. Il tunnel sarà lungo 6,4 chilometri e verrà realizzato con la tecnologia TBM (tunnel boring machine) e servirà a collegare il bacino di Ipo con l’impianto di sedimentazione di Bigte.

La durata dei lavori sarà quadriennale, il tunnel infatti dovrà essere pronto e operativo entro il 2020. La Cooperativa CMC aveva già operato nel Paese asiatico nel 2000 e questa è un’ulteriore conferma della professionalità italiana nel settore edilizio e dell’importanza strategica che il mercato asitico ricopre per l’economia del nostro Paese, come sottolinea il presidente di CMC, Roberto Macrì.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Un castello di ghiaia e cemento nato dall’idea di un umile postino nel lontano 1879

“Le Palais Ideal” riporta decori orientali, la maggior parte dei quali derivano da immagini di cartoline e riviste che consegnava durante la sua giornata di lavoro.   Questa volta vi

Viaggi nel mondo dell'edilizia

La Taule: il centro sportivo per body-builders, ginnasti e fitness addicted

La struttura progettata dallo studio canadese “Architecture Microclimat” in Quebec Cosa cerca uno sportivo, se non un luogo strutturalmente attento alle sue esigenze in cui potersi allenare in comodità e

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Maxi-opere in Turchia: inaugurato il terzo ponte sul Bosforo

Il ponte sul nord del Bosforo, realizzato con la partecipazione della società italiana Astaldi, che mantiene il 50% delle quote totale, è uno dei lavori più imponenti non solo della