Testo Unico Appalti al via dal 18 aprile

Testo Unico Appalti al via dal 18 aprile

Dopo una lunga serie di revisioni e nuove norme, il 18 aprile entra finalmente in vigore , pubblicato dalla Gazzetta Ufficiale, il nuovo Testo Unico sugli Appalti. Il nuovo codice sugli appalti è stato infatti approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri n.112. Una delle norme più importanti riguarderà la possibilità per le ditte che prendono in carico i lavori di subappaltare non solo una parte, come in passato, ma fino al 100% dei lavori. Gli appalti in deroga saranno previsti solo in caso di calamità naturali.

Un altro punto fondamentale, che garantirà tempi di lavoro più rapidi, è lo snellimento della burocrazia e della normativa per gli appalti, che sarà gestita dall’ Autorità Anticorruzione, con il compito di scrivere una normativa più flessibile già definita dagli esperti come “soft law”, in modo che la normativa segua i bisogni reali del settore di riferimento. La legge 11/2016 è quindi disponibile nella Gazzetta Ufficiale di lunedì 18 aprile 2016 con entrata in vigore immediata.

Previous Aumenta l’uso dei droni nel settore edile
Next Il senato chiede al governo di prorogare gli eco bonus

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Inarcassa: crediti per oltre 800 milioni di euro

La cassa previdenziale di architetti e ingegneri, Inarcassa, comunica che dai controlli è emerso che per quanto riguarda l’anno 2018 oltre 50 mila professionisti iscritti sarebbero inadempienti nei confronti degli

Attualità

Le fondamenta valgono come inizio lavori

Non è facile capire quando per un cantiere si può parlare di inizio dei lavori, così la recente sentenza del Consiglio di Stato n. 467/2018 ha chiarito con precisione che

Attualità

Blocco dei pagamenti pubblici a contribuenti inadempienti col fisco

Dal 1° marzo si abbasserà ulteriormente la soglia minima per la sospensione dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni e degli enti a totale partecipazione pubblica destinati ai contribuenti su