Mutui per interventi di trasformazione edilizia in Valle d’Aosta
1383 Views

Mutui per interventi di trasformazione edilizia in Valle d’Aosta

L’Assessorato regionale alle attività produttive della Valle d’Aosta, secondo quanto previsto dalla Legge Europea regionale 2015, ha approvato la concessione di mutui ai privati per la trasformazione edilizia e l’impiantistica su edifici civili, compresa la climatizzazione invernale ed estiva. La spesa ammissibile per gli interventi per cui si richiederà il mutuo ha un tetto massimo di 400 mila euro e una quota pari al 100% della spesa prevista per gli interventi oggetto di mutuo.

Dal 16 maggio 2016 fino al 28 febbraio del 2017 dunque i cittadini che risiedono nel territorio della Valle d’Aosta potranno inoltrare le loro domande per la concessione del mutuo presso gli uffici dell’Assessorato competente e saranno evase in base all’ordine di arrivo. Il fondo previsto per i mutui finalizzati a interventi di trasformazione edilizia e impiantistica è pari a 3 milioni e 500 mila euro e incentiverà il risparmio energetico regionale.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Bandi

Bando di concorso per ex Caserma Sani di Bologna

La Cassa Depositi e Prestiti Investimenti Srg ha lanciato in questi giorni il concorso internazionale di idee per il recupero degli spazi dell’ex Caserma Sani a Bologna, attraverso un masterplan

Bandi

Bando MiBACT per Comuni danneggiati da attività industriale

Il Ministero dei Beni Culturali e il Ministero per l’Ambiente hanno pubblicato un bando, il cui fondo complessivo ammonta a 450 mila euro, per aiutare i Comuni italiani il cui

Bandi

Progetto Bellezz@ – Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati

il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 settembre 2018, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 14 novembre e titolato “Progetto Bellezz@ – Recuperiamo i luoghi culturali” prevede l’istituzione dell’omonima