Bambù: gli utilizzi nell’architettura

Bambù: gli utilizzi nell’architettura

Elegante, leggero ma anche resistente ed elastico, il bambù viene utilizzato in molti modi: in cucina (i germogli sono ricchi di proteine e sali minerali), nel design, nelle costruzioni e nella medicina orientale.

Il bambù può essere adoperato in ambienti inquinati sia nell’atmosfera che nel suolo,in aree da bonificare o versanti di discariche, perchè molto resistente agli attacchi di funghi e insetti e a temperature particolarmente rigide (per alcune varietà fino a -30 gradi), ma soprattutto perchè ha un forte tasso di assorbimento dell’anidride carbonica e rapidità di propagazione.

Inoltre, sta crescendo in tutto il mondo l’uso del bambù per costruzioni architettoniche.

A Bali, Indonesia, è stato realizzato dalla Green School un villaggio ecologico, costituito interamente di bambù.

Sicuramente degna di nota è la cattedrale in bambù voluta dall’architetto Simon Valez, eretta in sole 5 settimane spendendo un budget di appena 30 mila dollari.

Il bambù ha una maggiore resistenza in trazione rispetto all’acciaio, maggiore resistenza, sia in trazione che in compressione rispetto al legno e maggiore resistenza in compressione del calcestruzzo. Di conseguenza potrebbe essere utilizzato per strutture portanti di palazzi alti fino a due piani, per le impalcature, trasformato in truciolato e in parqet per interni, adoperato come condotta per le acque o per l’irrigazione di risaie e orti.

Il Wood Plastic Composit è un materiale poco conosciuto in Europa, costituito per il 30% di plastica PE e per il 60% di bambù e relativi additivi, molto resistente e adatto in particolare per gli esterni.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 520 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Nuove Tecnologie

Puglia: il primo ecovillaggio a idrogeno

L’ecovillaggio, alimentato a idrogeno, sarà totalmente autonomo sotto il profilo energetico, mentre la struttura sarà realizzata con le stampanti 3D per l’edilizia. L’idea è nata grazie all’attività di H2U Fondazione

Nuove Tecnologie

Nasce la prima casa stampata in 3D

L’architetto Massimiliano Locatelli (CLS Architetti) ha progettato un prototipo di casa interamente realizzata con stampante 3D. Il progetto si chiama 3D Housing 05 ed è stata realizzata in collaborazione con

Nuove Tecnologie

Elissa House: il prototipo dell’Università di Napoli per abitazioni antisismiche

Il progetto Elissa House, sviluppato presso la Facoltà di Ingegneria strutturale dell’Ateneo Federico II di Napoli ha superato il suo primo test antisismico: l’abitazione costruita sulle pedane vibranti ha infatti