Bambù: gli utilizzi nell’architettura

Bambù: gli utilizzi nell’architettura

Elegante, leggero ma anche resistente ed elastico, il bambù viene utilizzato in molti modi: in cucina (i germogli sono ricchi di proteine e sali minerali), nel design, nelle costruzioni e nella medicina orientale.

Il bambù può essere adoperato in ambienti inquinati sia nell’atmosfera che nel suolo,in aree da bonificare o versanti di discariche, perchè molto resistente agli attacchi di funghi e insetti e a temperature particolarmente rigide (per alcune varietà fino a -30 gradi), ma soprattutto perchè ha un forte tasso di assorbimento dell’anidride carbonica e rapidità di propagazione.

Inoltre, sta crescendo in tutto il mondo l’uso del bambù per costruzioni architettoniche.

A Bali, Indonesia, è stato realizzato dalla Green School un villaggio ecologico, costituito interamente di bambù.

Sicuramente degna di nota è la cattedrale in bambù voluta dall’architetto Simon Valez, eretta in sole 5 settimane spendendo un budget di appena 30 mila dollari.

Il bambù ha una maggiore resistenza in trazione rispetto all’acciaio, maggiore resistenza, sia in trazione che in compressione rispetto al legno e maggiore resistenza in compressione del calcestruzzo. Di conseguenza potrebbe essere utilizzato per strutture portanti di palazzi alti fino a due piani, per le impalcature, trasformato in truciolato e in parqet per interni, adoperato come condotta per le acque o per l’irrigazione di risaie e orti.

Il Wood Plastic Composit è un materiale poco conosciuto in Europa, costituito per il 30% di plastica PE e per il 60% di bambù e relativi additivi, molto resistente e adatto in particolare per gli esterni.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 541 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Nuove Tecnologie

DOCET, l’applicativo per le attestazioni energetiche, si rinnova

Il software utilizzato per la certificazione e le attestazioni energetiche, sviluppato dall’ente ENEA in collaborazione con il CNR, è disponibile online nella sua nuova versione aggiornata e compatibile con la

Nuove Tecnologie

Enertun: metropolitana geotermica a Torino

Il progetto sperimentale Enertun portato avanti dal Politecnico di Torino e da Desa s.r.l introduce importanti novità sui temi delle smart cities, del riuso e del risparmio energetico. Il concetto

Nuove Tecnologie

Catania: come estrarre energia dagli agrumi

Dalla lavorazione biologica di buccia, semi e polpa (pastazzo), scarti ottenuti dalla lavorazione di agrumi, si potrebbe estrarre energia elettrica. Questo l’obiettivo del progetto “Energia dagli agrumi”, promosso dal Distretto