Puglia: il primo ecovillaggio a idrogeno

Puglia: il primo ecovillaggio a idrogeno

L’ecovillaggio, alimentato a idrogeno, sarà totalmente autonomo sotto il profilo energetico, mentre la struttura sarà realizzata con le stampanti 3D per l’edilizia.

L’idea è nata grazie all’attività di H2U Fondazione H2U che ha esposto presso la Fiera del Levante l’H2 Mobile, primo veicolo terrestre che sfrutta l’idrogeno per produrre e stoccare energia rinnovabile.

L’ecovillaggio sorgerà presso Mola di Bari e, come spiega il Sindaco della città Giangrazio Di Rutigliano, e sarà legato alle attività produttive della città. Verrà costruito, infatti, un polo per la conservazione del pesce, alimentato a idrogeno.

Il fisico Nicola Conenna, presidente della Fondazione H2U, spiega che sarà possibile esportare un progetto come quello dell’ecovillaggio, in un tutti i luoghi in cui ci sia bisogno di energia.

L’Ecovillaggio verrà inserito nel PUG (Piano Urbanistico Generale), in un’area apposita indicata dal Comune di Mola di Bari e sarà tra i progetti smart della Città Metropolitana di Bari.

Previous ANAC: basta gare senza copertura finanziaria
Next Bambù: gli utilizzi nell'architettura

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Nuove Tecnologie

CMF Greentech vince il premio Saie Innovation – verso impatto zero

La start-up modenese CMF Greentech ha recentemente vinto il riconoscimento Saie Innovation – verso impatto zero per il suo impegno nel campo dei materiali di recupero e green. Le costruzioni

Nuove Tecnologie

Il fotovoltaico che farà parte del quotidiano

Negli ultimi anni l’industria solare sta studiando le potenzialità del fotovoltaico organico, meno efficiente rispetto ai classici pannelli, ma molto più versatile. Qualsiasi superficie, quindi, potrebbe generare energia pulita. I

Nuove Tecnologie

Catania: come estrarre energia dagli agrumi

Dalla lavorazione biologica di buccia, semi e polpa (pastazzo), scarti ottenuti dalla lavorazione di agrumi, si potrebbe estrarre energia elettrica. Questo l’obiettivo del progetto “Energia dagli agrumi”, promosso dal Distretto