Assistenza sanitaria ue: italiani, meno informati in europa

Assistenza sanitaria ue: italiani, meno informati in europa

Gli italiani non lo sanno: in caso di cure ricevute in uno dei paesi dell’Unione Europea, si ha diritto a un rimborso da parte del proprio servizio sanitario.

Gli aventi diritto sono tutti coloro i quali si trovano per motivi di studio, lavoro o turismo in un paese dell’Unione Europea, diverso da quello di residenza.

Secondo un rapporto della Commissione Europea, infatti, solo il 9% degli italiani è a conoscenza di questa opportunità, contro il 36% di britannici e svedesi; solo greci e bulgari sono meno informati di noi.

L’Italia detiene, inoltre, il record negativo in Europa per scarsità di domande di autorizzazione preventiva alle autorità nazionali (177 ricevute di cui 103 accettate), dato che assume maggior rilevanza se si considera che al secondo posto troviamo la Slovacchia (con 139 domande di autorizzazione preventiva ricevute) che ha appena 5,5 milioni di abitanti.

Situazione molto più rosea in Francia, dove sono state presentate ben 57 mila domande.

Pochissimi italiani (solo uno su dieci) sono a conoscenza dell’esistenza di un centro nazionale di informazioni ad hoc.

Il rapporto dell’Unione Europea denuncia, inoltre, la limitata conoscenza dei pazienti sui diritti che hanno all’interno dell’UE. Al contempo spiega quali sono le condizioni da rispettare per ottenere un rimborso dal proprio servizio sanitario nazionale e quali sono le regole sull’assistenza medica in un altro paese.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 585 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

News

Corte di Cassazione: difetti di un edificio e sulle tempistiche di denuncia

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 24.486 del 2017, prevede che la denuncia per difetti gravi di un edificio in sede d’appalto possano essere denunciati dal committente o dall’acquirente

News

Verso l’obbligo Bim

La normativa che obbliga l’uso del Bim (Building information modeling) in fase di progettazione, per quanto riguarda le opere pubbliche e gli appalti ad esse relativi, sarà operativa entro un

News

Ordine archietti: premio rigenerazione urbana entro 22 settembre

Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha bandito un concorso, promosso da SAIE, (Salone internazionale dell’Innovazione Edilizia) ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) e Legambiente, a cui sarà