Legno traslucido al posto del vetro

Legno traslucido al posto del vetro

A Stoccolma i ricercatori del prestigioso KTH Royal Institute of Technology hanno ideato una nuova tecnologia che potrebbe avere largo impiego in campo edilizio. Il legno traslucido, acquisito sottraendo al legno elementi come la lignina e aggiungendovi successivamente un apposito polimero che lo rende trasparente come il vetro, mantiene tutte le caratteristiche di resistenza proprie del legno. Gli studi hanno mostrato come sia possibile ottenere diversi livelli di opacità, in questo modo gli usi diventano i più differenti e flessibili, dall’uso al posto dei vetri negli infissi e nelle finestre fino alla finitura delle componenti d’arredo come vetrine o librerie.

Oltre agli usi nel campo edile, i ricercatori stanno mettendo a punto delle speciali celle solari trasparenti che utilizzano proprio il legno traslucido come elemento principale: il legno infatti, con le sue proprietà di dispersione della luce, riescono a trattenerla più a lungo che con altri materiali, migliorando in questo modo l’efficienza delle celle.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 511 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Nuove Tecnologie

Enertun: metropolitana geotermica a Torino

Il progetto sperimentale Enertun portato avanti dal Politecnico di Torino e da Desa s.r.l introduce importanti novità sui temi delle smart cities, del riuso e del risparmio energetico. Il concetto

Nuove Tecnologie

Puglia: il primo ecovillaggio a idrogeno

L’ecovillaggio, alimentato a idrogeno, sarà totalmente autonomo sotto il profilo energetico, mentre la struttura sarà realizzata con le stampanti 3D per l’edilizia. L’idea è nata grazie all’attività di H2U Fondazione

Nuove Tecnologie

Elissa House: il prototipo dell’Università di Napoli per abitazioni antisismiche

Il progetto Elissa House, sviluppato presso la Facoltà di Ingegneria strutturale dell’Ateneo Federico II di Napoli ha superato il suo primo test antisismico: l’abitazione costruita sulle pedane vibranti ha infatti