Compensi ctu: ingegneri contrari alle nuove regole

Compensi ctu: ingegneri contrari alle nuove regole

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha fatto presente la propria insoddisfazione riguardo la nuova legge 132/2015 che si esprime in materia fallimentare. Al consulente tecnico d’ufficio non sarà permesso richiedere un acconto superiore al 50% del compenso, che verrà calcolato in base al valore di stima dell’immobile. Invece, l’intera parcella è da conteggiarsi sul valore di vendita. Questo significa che il pagamento completo per il servizio svolto dal tecnico si avrà solo nel caso in cui la vendita vada a buon fine.

Se un debitore non dovesse adempiere ai suoi obblighi nei confronti di un creditore, si procede con una esecuzione forzata, ovvero una procedura atta a sottrargli coattivamente beni di sua proprietà. Il tecnico ha il compito di dare un valore di mercato all’immobile e descriverlo, così da permettere agli investitori di operare in sicurezza.

Nel momento in cui si effettua l’esproprio, il giudice stabilisce il valore dell’immobile in base al valore di mercato suggerito dal tecnico e agli altri elementi da lui forniti. Il tecnico calcola la superficie, il valore per metro quadro in base alla destinazione, ed eventuali riduzioni del valore dovute a difetti, oneri e vincoli che gravano sull’immobile.

Il giudice (o ufficiale giudiziario) calcola, anche, il compenso del tecnico in base al ricavo della vendita dell’immobile. Non possono essere liquidati, prima della vendita, acconti superiori al 50% del compenso, determinato in base al valore di stima. Di conseguenza, il professionista otterrà il pagamento completo per la propria prestazione, solo dopo la vendita dell’immobile.

Immediato il commento del Consigliere CNI Andrea Giannasso, che sottolinea come questo provvedimento favorisca le banche, e non lo Stato, in quanto il costo delle perizie estimative è a carico degli enti esecutanti e, quindi, non si fa uso di denaro pubblico.

Il Presidente del CNI, Armando Zambrano, fa notare come, molto spesso, il bene venga venduto anni dopo rispetto al momento della stima e questo comporta un notevole rinvio del pagamento per la prestazione del tecnico. Inoltre, capita di frequente che gli immobili siano venduti ad un prezzo molto più basso rispetto a quello stimato e poiché si può liquidare all’esperto fino al 50% della cifra che gli spetta, se l’immobile è venduto a un valore considerevolmente inferiore alla stima, il professionista potrebbe essere costretto a restituire parte del compenso.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 511 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

News

Verso l’obbligo Bim

La normativa che obbliga l’uso del Bim (Building information modeling) in fase di progettazione, per quanto riguarda le opere pubbliche e gli appalti ad esse relativi, sarà operativa entro un

News

Corte di Cassazione: difetti di un edificio e sulle tempistiche di denuncia

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 24.486 del 2017, prevede che la denuncia per difetti gravi di un edificio in sede d’appalto possano essere denunciati dal committente o dall’acquirente

News

Legambiente e il Monitoraggio “Ecosistema Rischio”

Il dossier annuale di Legambiente “Ecosistema Rischio 2017” ha sottolineato tutte le falle nel sistema di prevenzione e sicurezza nazionali in relazione al rischio di dissesto idrogeologico. Il dossier mostra