0 1115 Views

Fondi ai Comuni per l’efficientamento energetico

Con il Decreto direttoriale del 14 maggio 2019 (Contributi per l’efficientamento energetico e lo sviluppo territoriale sostenibile in favore dei Comuni), pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 122 del 27 maggio 2019, il Ministero per lo Sviluppo Economico ha stanziato 500 milioni di euro a favore dei Comuni italiani per progetti e lavori che prevedano efficientamento energetico di edifici pubblici e sviluppo sostenibili. I fondi sono ripartiti in maniera differente a seconda del numero di abitanti del comune.

I progetti approvati, per poter essere finanziati dal fondo governativo, dovranno essere avviati entro la data del 31 ottobre 2019 e riguardano, oltre l’efficientamento di edifici, l’lluminazione pubblica, l’adeguamento e la messa in sicurezza di edifici scolastici e pubblici in generale e l’abbattimento delle barriere architettoniche. A breve il Ministero pubblicherà online le linee guida operative per i comuni interessati.

Previous Sospensione norme Codice degli Appalti
Next Allarme Amianto

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Bandi

Progettazione antisismica. Nuovi fondi ai Comuni italiani

Con il Decreto Ministeriale del 19 ottobre 2018 il Governo ha stanziato fondi pari a 24 milioni di euro per 265 interventi in zona sismica 1 o 2. Nel decreto

Bandi

Via libera a 57 progetti del Piano Invasi

Il Governo ha sbloccato fondi pari a 260 milioni di euro che serviranno a finanziare i 57 progetti approvati per il Piano Invasi, dedicato alla progettazione e alla realizzazione di

Bandi

Maxibando da Eni

Il gruppo Eni ha pubblicato un bando relativo all’ingegneria ambientale per le nuove opere e per i lavori di risanamento su opere già esistenti per un investimento totale di 20,2