Migliorano i tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione
1341 Views

Migliorano i tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione

Uno dei tanti problemi che in questi anni ha contribuito ad affossare il settore dell’edilizia è quello dei ritardi nei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni. Il trend negativo sembra aver avuto dal 2018 un punto di svolta, sono infatti già 20 milioni e 300 mila le fatture già pagate, su un totale di fatture emesse pari a 28 milioni. I dati si riferiscono ai numeri registrati sul portale PCC (Piattaforma per i Crediti Commerciali). Nella maggior parte dei casi infatti i pagamenti sono stati effettuati con un giorno di anticipo, in media, rispetto ai termini previsti dalla legge, laddove fino al 2017 i ritardi registrati erano in media dai dieci giorni in su.

Le fatture vengono pagate prima dalle pubbliche amministrazioni situate nelle regioni del nord-Italia (8 giorni di anticipo rispetto alla media), mentre i dati sono meno confortanti al centro Italia (3 giorni di ritardo in media) e al Sud (11 giorni di ritardo medio). I debiti scaduti e non ancora pagati, se si contano le fatture emesse fino al 31 dicembre 2018, ammontano tuttavia a 26,9 miliardi, dimostrando che la strada, nonostante il miglioramento delle condizioni, è ancora lunga da percorrere.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

Come ottenere l’esenzione IMU per terreni agricoli

Con la risoluzione n. 1/DF del 28 febbraio 2018 si mette in luce e si chiariscono i punti più oscuri su chi sia beneficiario dell’esenzione IMU sui terreni agricoli, e

Lavoro

I voucher saranno aboliti nel 2018

I voucher, i buoni lavoro nati per regolarizzare i piccoli lavori stagionali o le collaborazioni a carattere periodico e non continuativo saranno aboliti per decreto, per scongiurare il Referendum abrogativo

Lavoro

Ingegneri e architetti italiani all’Estero

Secondo l’ultima ricerca pubblicata dalla Fondazione Inarcassa, che ha visto coinvolto un campione di liberi professionisti che lavorano nel campo dell’ingegneria e dell’architettura pari a 14 mila unità, l’Estero è