Migliorano i tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione

Migliorano i tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione

Uno dei tanti problemi che in questi anni ha contribuito ad affossare il settore dell’edilizia è quello dei ritardi nei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni. Il trend negativo sembra aver avuto dal 2018 un punto di svolta, sono infatti già 20 milioni e 300 mila le fatture già pagate, su un totale di fatture emesse pari a 28 milioni. I dati si riferiscono ai numeri registrati sul portale PCC (Piattaforma per i Crediti Commerciali). Nella maggior parte dei casi infatti i pagamenti sono stati effettuati con un giorno di anticipo, in media, rispetto ai termini previsti dalla legge, laddove fino al 2017 i ritardi registrati erano in media dai dieci giorni in su.

Le fatture vengono pagate prima dalle pubbliche amministrazioni situate nelle regioni del nord-Italia (8 giorni di anticipo rispetto alla media), mentre i dati sono meno confortanti al centro Italia (3 giorni di ritardo in media) e al Sud (11 giorni di ritardo medio). I debiti scaduti e non ancora pagati, se si contano le fatture emesse fino al 31 dicembre 2018, ammontano tuttavia a 26,9 miliardi, dimostrando che la strada, nonostante il miglioramento delle condizioni, è ancora lunga da percorrere.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 635 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

Parere Ance: no ai vaucher in edilizia

Il nuovo Presidente dell’Ance, Gabriele Buia, ha espresso la sua soddisfazione per l’ammissibilità del referendum sui vaucher recentemente decretato dalla Corte Costituzionale. Secondo il professionista infatti, soprattutto nel settore dell’edilizia

Lavoro

Geometri: nuove regole per l’invio di successioni e visure catastali

Da oggi anche geometri e periti tecnici potranno occuparsi dell’invio della documentazione relativa a successioni e visure catastali, una pratica che prima poteva essere svolta unicamente da notai, commercialisti e

Lavoro

In aumento i contributi dei professionisti

Riguardo la dichiarazione dei redditi e del volume d’affari relativo al 2017, si segnalano diversi aumenti nei contributi previdenziali dovuti da alcune categorie professionali fra cui avvocati, ragionieri, periti industriali,