L’Anac potrà impugnare contratti illegittimi

L’Anac potrà impugnare contratti illegittimi

Attraverso il suo presidente Raffaele Cantone, l’Anac fa sapere che potrà da ora in avanti impugnare gli atti di gara che sospetti illegittimi o sospetti davanti ai Giudici direttamente in qualità di Autorità Nazionale Anticorruzione, in modo che possano essere soddisfatti in toto le sue competenze in materia di vigilanza sui contratti pubblici e gli appalti. L’Anac inoltre potrà interagire in maniera diretta con le amministrazioni che hanno pubblicato il bando considerato non conforme affinché sia cancellata ogni irregolarità segnalata dall’autorità anticorruzione.

I poteri dell’Anac in materia di contratti illegittimi era già presente del Codice Appalti del 2016 ma solo ora è entrata in vigore con Regolamento Anac n. 164 del 17 luglio 2018, che sarà applicato a partire dal 15simo giorno dalla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Nello specifico, si tratta di poteri di “raccomandazione e sanzione”, da cui è comunque scomparsa la possibilità dell’Anac di sanzionare direttamente le pubbliche amministrazioni che non si adeguassero alle raccomandazioni, trovando più conveniente invece la possibilità dell’Anac di ricorrere al tribunale amministrativo.

Previous Malattia anche per chi è iscritto a gestione separata
Next Cersaie 2018 a Bologna

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Nuovo regime forfettario IVA 15%

Flat Tax La “mini flat tax” 2018 è in definitiva un nuovo regime fiscale agevolato per partite iva con aliquota fissa al 15%, per redditi dichiarati non superiori ai 65

Lavoro

Nasce la E-card per lavorare in tutta Europa

Professionisti e aziende avranno presto a disposizione un nuovo strumento che consentirà di snellire la burocrazia e lavorare più agilmente su tutto il territorio dell’Unione Europea. La nuova E-card infatti

Lavoro

Attestato Prestazione Energetica: quali ingegneri non necessitano di corsi di formazione specifici?

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, esprimendo un parere richiesto dalla Regione Lazio sull’argomento dei nuovi attestai APE per le prestazioni energetiche degli edifici riprende la circolare del Consiglio degli Ingegneri