0 1857 Views

Malattia anche per chi è iscritto a gestione separata

Da sempre i lavoratori parasubordinati e iscritti alla gestione separata Inps lamentano una disparità di trattamento rispetto a chi gode di un contratto subordinato regolare. Secondo l’Inps, anche questa tipologia di lavoratore ha diritto a un’indennità giornaliera da parte dell’ente previdenziale, ma solo se la malattia si protrae per più di quattro giorni. Per poter usufruire della richiesta di malattia è necessario essere lavoratori parasubordinati non iscritti ad altre forme di previdenza obbligatoria o comunque non titolari di pensioni, compresi i liberi professionisti non iscritti a forme di previdenza.

Per usufruire della malattia i lavoratori parasubordinati devono aver versato almeno tre mesi di contributi in Gestione separata, contando i 12 mesi precedenti la richiesta e non devono aver superato il limite di reddito dei 70 mila euro (questo è il tetto relativo al 2018). Qualora ci fosse una degenza ospedaliera, l’indennizzo giornaliero è valutato al doppio di quello della normale malattia. Per usufruire dell’indennizzo il lavoratore parasubordinato deve seguire le modalità di richiesta e invio del modulo comuni alle altre tipologie di lavoratori tramite gli sportelli Inps territoriali, in cui è possibile anche chiedere ulteriori informazioni.

Previous Prorogato lo stato di emergenza per zone terremotate
Next L’Anac potrà impugnare contratti illegittimi

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Geometri: nuove regole per l’invio di successioni e visure catastali

Da oggi anche geometri e periti tecnici potranno occuparsi dell’invio della documentazione relativa a successioni e visure catastali, una pratica che prima poteva essere svolta unicamente da notai, commercialisti e

Lavoro

Rapporto BIM 2017

Il 14 febbraio è stato presentato a Roma un dossier riguardante l’utilizzo del modello tecnologico BIM (Building Information Modeling) nel 2017. Il rapporto è stato presentato dall’Associazione delle società di

Lavoro

Parere Ance: no ai vaucher in edilizia

Il nuovo Presidente dell’Ance, Gabriele Buia, ha espresso la sua soddisfazione per l’ammissibilità del referendum sui vaucher recentemente decretato dalla Corte Costituzionale. Secondo il professionista infatti, soprattutto nel settore dell’edilizia