0 2898 Views

Sgravi fiscali: quote rosa e “over 50”

Recentemente è stato firmato il decreto che assicura alle aziende sgravi fiscali fino al 50% per l’assunzione di forza lavoro femminile in tutti quei settori in cui esiste forte disparità occupazionale fra generi (bonus già previsto, ma poco applicato, nella Legge 92/2012). In particolare, il decreto si rivolge nel 2019 ai settori dell’agricoltura, dell’industria (fra cui costruzioni e industria estrattiva) e dei servizi, sia per quanto riguarda le imprese private che i servizi generali delle pubbliche amministrazioni.

Il contributo si riferisce in particolare a uno sgravio fiscale del 50% per quanto riguarda i contributi previdenziali a carico del datore di lavoro che intende assumere dipendenti di sesso femminile e si applica per 18 mesi nel caso di contratto a tempo indeterminato o di 12 mesi nel caso di assunzioni a termine. Il contributo si applica poi non solo alle quote rosa, ma anche a chi assume lavoratori uomini (o donne) che abbiano compiuto 50 anni, disoccupati da almeno un anno. I settori oggetto di sgravio sono indicati in un’apposita tabella allegata al decreto.

Previous Codice Appalti: pubblicati gli esiti della Consultazione MIT
Next IL GRANDE SUCCESSO DI SMART BUILDING LEVANTE

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Malattia anche per chi è iscritto a gestione separata

Da sempre i lavoratori parasubordinati e iscritti alla gestione separata Inps lamentano una disparità di trattamento rispetto a chi gode di un contratto subordinato regolare. Secondo l’Inps, anche questa tipologia

Lavoro

Professionisti: gli over 60 superano i giovani

Un recente dossier statistico (ottavo Rapporto Adepp sulla previdenza privata) fotografa in Italia una situazione che, se dal lato del reddito può sembrare confortante (+1,5% rispetto all’anno scorso), dal punto

Lavoro

La manutenzione straordinaria non è edilizia libera

Il Consiglio di Stato e l’articolo 6 bis del nuovo Testo Unico per l’Edilizia chiariscono che gli interventi di manutenzione straordinaria non sono ascritte agli interventi di edilizia libera previsti