Bonifica amianto: detrazione anche delle spese di trasporto

Bonifica amianto: detrazione anche delle spese di trasporto

Con la sua circolare n. 7/E del 27 aprile 2018, recentemente pubblicata in Gazzetta Ufficiale, l’Agenzia delle Entrate chiarisce quali siano le spese detraibili per quanto riguarda la bonifica dell’amianto. In pratica si spiega che anche i lavori di bonifica dell’amianto sono inserite fra le detrazioni previste per gli interventi di recupero edilizio e dunque riguarda anche il trasporto in discarica da parte di ditte specializzate nel settore della bonifica dell’amianto. Le detrazioni Irpef sono quindi previste a prescindere dalla realizzazione di intervento di recupero, anche per incentivare le buone pratiche e lo smaltimento di questo rifiuto speciale, dannoso per la salute dell’uomo e per il territorio.

Oltre al trasporto dell’amianto, sono detraibili anche altre spese, per esempio la sostituzione dell’amianto con pannelli fotovoltaici per i quali è previsto un bonus fino al 65% delle spese affrontate nell’ottica degli interventi per il miglioramento dell’efficienza energetica dei fabbricati.

Previous Progettazione antisismica. Nuovi fondi ai Comuni italiani
Next Dissesto idrogeologico: 7,5 milioni di italiani a rischio

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Allarme Amianto

Il report dell’Osservatorio nazionale amianto (Ona) e del Comitato nazionale italiano Fair play, “Sport e scuola, ambiente e sicurezza: via l’amianto” ci mette davanti a una verità preoccupante: sono infatti

Ambiente

Nuovi edifici e punti di ricarica elettrica

La direttiva 2014/94/UE sulla realizzazione di infrastrutture per combustibili alternativi conferma il nuovo percorso verso un’idea di città smart e sempre più attenta alla tutela dell’ambiente e alla qualità dell’aria.

Ambiente

UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

La Direttiva UE 31/2010/CE è stata recepita in Italia e introduce l’obbligo, per tutti gli edifici pubblici costruiti dal 2019 in avanti, di dotarsi di impianti  a energia quasi zero