0 794 Views

Guida UE per appalti pubblici

La Commissione dei responsabili degli appalti pubblici UE, un team di professionisti nominati dai Paesi membri per supportare la redazione di appalti pubblici ha emanato un’approfondita guida di 132 pagine in cui vengono inseriti consigli e buone pratiche per una preparazione e una successiva pianificazione degli appalti in modo che in fase di pubblicazione vengano rispettati i principi di trasparenza. Il documento è in definitiva una versione aggiornata dei così detti “orientamenti” in tema di appalti pubblici, uno strumento utile sia per le pubbliche amministrazione che per le imprese che operano nel campo dei bandi pubblici.

Nella guida si consiglia di pianificare il bando in tutti i suoi punti, anche se fossero necessari diversi mesi prima di giungere alla sua pubblicazione, in modo da ridurre al minimo gli errori e le successive modifiche e rettifiche una volta che il bando è già stato pubblicato. Sempre la guida consiglia a professionisti e imprese di dichiarare al momento della presentazione dell’offerta eventuali conflitti di interesse per l’appalto oggetto del bando, che dovrebbe essere uno dei requisiti minimi in fase di compilazione.

Previous PMI: Legge Sabatini e beni con acquisto agevolato
Next In arrivo un decreto per messa in sicurezza di ponti e strutture

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Normative

Pubblica Amministrazione, no all’assegnazione diretta per beni e servizi infungibili

Fra le prassi comuni utlizzate dalla pubblica amministrazione vi è quella di mettere in deroga la legge sugli appalti per beni e servizi così detti infungibili, come per esempio i

Normative

Imposte catastali e ipotecarie con F24

Dal 1° luglio 2018 le imposte a seguito di notifica di avvisi di liquidazione, atti di contestazione e irrogazione di sanzioni riguardanti imposta e tasse ipotecarie andranno versate tramite il

Normative

Abusi edilizi: archiviazione non fa rima con demolizione

Secondo l’importante risultato ottenuto con la sentenza n. 45428/2016 sezione III della Corte di Cassazione, che crea precedente, qualora un procedimento penale riguardante un abuso edilizio fosse stato archiviato e