La Pubblica Amministrazione dovrà risarcire i danni per autorizzazione illegittima

La Pubblica Amministrazione dovrà risarcire i danni per autorizzazione illegittima

Con la storica sentenza n. 5475 del 24 novembre 2017 il Consiglio di Stato fa chiarezza sulla possibilità di chiedere e ottenere un risarcimento danni da parte di un’impresa, in un contratto di lavoro con la Pubblica Amministrazione, se quest’ultima ha rilasciato un titolo autorizzatorio illegittimo. In particolare, la sentenza si riferisce a un ricorso in appello per il rilascio di un’autorizzazione edilizia per la realizzazione di un impianto solare su una copertura in legno: secondo il richiedente danni, la costruzione avrebbe abbassato il valore economico dell’immobile, posto in una zona turistica fronte mare. Il Consiglio di Stato ha appurato che oggettivamente la costruzione della tettoia ha fatto sì che ci fosse una visibile limitazione della veduta, e quindi un danno di immagine all’immobile. In questo caso, l’autorizzazione a costruire rilasciata dalla Pubblica Amministrazione, pur essendo specificato che tali titoli autorizzativi sono rilasciati “salvi i diritti dei terzi” non esclude la Pubblica Amministrazione dalle proprie responsabilità e quindi è legittima la domanda risarcitoria.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

News

Ordine archietti: premio rigenerazione urbana entro 22 settembre

Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha bandito un concorso, promosso da SAIE, (Salone internazionale dell’Innovazione Edilizia) ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) e Legambiente, a cui sarà

News

Smart road e BIM

Con il decreto ministeriale del 28 febbraio 2018, che attua la nuova Legge di Bilancio, si è prestata maggior attenzione alla nuova tecnologia delle smart road, ovvero le strade tecnologicamente

News

Ue: interrogazione su liberi professionisti

Sostenere i liberi professionisti: questo l’argomento dell’interrogazione rivolta, nel corso della Plenaria dell’Europarlamento di Strasburgo, da Antonio Tajani (Vicepresidente del Parlamento Europeo) al Commissario responsabile per il mercato interno, l’industria,