No al Project Financing per il Trasporto Pubblico locale

No al Project Financing per il Trasporto Pubblico locale

L’Anac, con la specifica delibera n. 566 del 31 maggio 2017, ha dichiarato illegittimo l’utilizzo dello strumento del project financing per quanto riguarda i bandi di concessione dei servizi di trasporto pubblico locale, ove non siano previsti dei lavori infrastrutturali. Questo perché i servizi per l’affidamento di opere pubbliche che riguardano il trasporto di persone sono finanziate in buona parte da fondi di matrice pubblica, superando il limite del 49% inserito come tetto nel Decreto Legislativo 50/2016.

Anche la disciplina comunitaria conferma che le operazioni di project financing nel trasporto pubblico non sono rinconducibili al parternariato fra pubblico e privato ma che deve essere indetta una specifica gara d’appalto per l’affidamento dell’appalto: questo per tenere nel giusto conto le regole di concorrenza necessarie quando si opera nel mercato interno. Nel project financing infatti il promotore dell’iniziativa si assume rischi e oneri che potrebbero non avere il rientro dell’investimento o dei costi sostenuti per la gestione delle opere o dei servizi.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 568 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

In arrivo fattura elettronica precompilata

Fatturazione Elettronica Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Antonino Maggiore, ha annunciato che l’AdE metterà a disposizione degli utenti e degli operatori dotati di partita iva un modello precompilato di fattura

Attualità

Legge di stabilità 2016: ecobonus per la rimozione dell’amianto

Nonostante da oltre vent’anni sia nota la pericolisità dell’amianto e il suo essere carcerogeno in Italia siamo ancora lontani dalla bonifica completa di questo materiale. Proprio per questo motivo la

Normative

Post-terremoto: partono a marzo i primi appalti Anas

L’Anas ha predisposto i primi appalti per la ricostruzione delle strade danneggiate dagli ultimi eventi sismici che hanno colpito il centro Italia, che saranno disponibili a partire dal mese di