Ricostruzione post-sisma: nessun tetto su incarichi multipli, ma autoregolamentazione

Ricostruzione post-sisma: nessun tetto su incarichi multipli, ma autoregolamentazione

Il 13 dicembre nel corso della riunione della Cabina di Coordinamento relativa agli interventi post-sisma, di cui fanno parte oltre al commissario per la ricostruzione Vasco Errani anche i presidenti delle Regioni Lazio, Abruzzo, Umbria e Marche hanno deciso di non imporre alcun tetto sulla cumulabilità degli incarichi relativi alla ricostruzione nel Centro Italia, pur tuttavia auspicando e richiedendo ai professionisti una forma di autoregolamentazione, resa necessaria per evitare un prolungamento dei lavori eccessivo (così come è successo negli anni precedenti in Abruzzo o in Emilia Romagna) dato dal fatto che i progettisti abbiano richiesto troppi incarichi che non sono riusciti a portare a termine nei tempi previsti.

Le nuove norme sono di fatto volte a tutelare la ricostruzione contro i rischi delle cattive pratiche e delle concentrazioni troppo elevate di incarichi, e conterranno delle clausole per gli schemi contrattuali secondo cui il committente, in caso di mancato rispetto dei termini pattuiti per la fine dei lavori, possano sciogliere il contratto con il professionista incaricato senza dover pagare alcun onere.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 541 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Sempre più imprese richiedono il “bollino di qualità” Antitrust

L’edilizia è uno dei settori in prima linea per la richiesta dell’attribuzione del rating di legalità, una sorta di bollino di qualità attribuito dall’Antitrust alle imprese considerate virtuose. Nel 2016

Attualità

Come richiedere il Nulla osta di Fattibilità

Il documento che si configura come N.o.f. , ovvero il nulla osta di fattibilità introdotto con il d.p.r n. 151/2011, è richiesto quando il progetto presentato sia di elevata complessità.

Attualità

Edilizia: Rimborsi IVA in via prioritaria

Il nuovo decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze datato 29 aprile 2016 informa che anche il settore edile usufruirà del rimborso in via prioritaria, a partire dal secondo trimestre