Per l’Anac anche gli appalti sotto la soglia minima devono avere commissioni esterne

Per l’Anac anche gli appalti sotto la soglia minima devono avere commissioni esterne

Nella prima riforma dei lavori pubblici, la legge n.11/2016, vi era un articolo specifico sui commissari di gara negli appalti della pubblica amministrazione, che prevedeva venissero selezionati dall’Anac sia al di sopra che al di sotto della soglia comunitaria minima, ovvero i 5,2 milioni di euro. Con il passaggio dalla legge delega al Codice degli Appalti, questo articolo è stato modificato ed è stato dato un maggior potere discrezionale alle pubbliche amministrazioni nella scelta degli arbitri. Questo cambio, secondo il vicepresidente nazionale Anac, Edoardo Bianchi, potrebbe inficiare la trasparenza e il buon svolgimento degli appalti, per questo le commissioni di gara dovrebbero essere esterne, e terze rispetto ai soggetti partecipanti agli appalti anche dal lato committenza.

L’Anac si è anche proposto come ente preposto a fornire le commissioni di gara per appalti sottosoglia, oltre a quelli sopra la soglia comunitaria come già previsto dalla legge. Il Codice Appalti dovrebbe rendere più competitivo il settore e uniformarlo alle leggi comunitarie, per questo servono regole specifiche che lo disciplinino.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 540 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

In arrivo il nuovo Regolamento Edilizio “Tipo”

Il 3 ottobre si è discusso alla camera il nuovo decreto sul Regolamento Edilizio Tipo, che andrà a integrare il tuttora vigente Regolamento Edilizio Unico. In questo modo si andranno

Attualità

Riforma Madia e conferenza di servizi

Entrerà in vigore il 28 luglio il decreto legislativo n. 127 del 30 giugno 2016, che fa parte del corpus della così detta Riforma Madia. Il testo, pubblicato nella Gazzetta

Attualità

Nuovo modulo per il Permesso di costruire

Con la Conferenza Unificata Stato-Regioni dello scorso 6 luglio è stato approvato il nuovo modulo che dovrà essere presentato come richiesta del permesso di costruire. La revisione è stata effettuata