In arrivo una legge per valorizzare i piccoli comuni
1426 Views

In arrivo una legge per valorizzare i piccoli comuni

La Commissione parlamentare sull’Ambiente sta discutendo un’importante legge che ha il suo focus nella valorizzazione dei così detti Piccoli Comuni. I punti più importanti su cui verte la discussione è la loro modernizzazione, in particolare il supporto governativo per l’installazione sul territorio della banda larga di internet e l’aiuto ai settori del commercio e dell’artigianato per un passaggio al digitale e alla promozione dei prodotti anche online.

Altri campi di intervento previsti sono il recupero e la valorizzazione dei centri storici: il principale problema dei piccoli comuni italiani è infatti lo spopolamento e l’abbandono del territorio, in particolare da parte delle generazioni più giovani. La predisposizione di forme turistiche alternative, come l’albergo diffuso, sono inserite nel programma di valorizzazione. Importanti anche gli interventi edilizi per la prevenzione del rischio idrogeologico e l’efficientamento energetico degli edifici pubblici e privati.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Good news sull’obbligo di POS

L’obbligo di POS e pagamenti con moneta elettronica o carta di credito anche per le prestazioni offerte da professionisti con partita iva aveva fatto storcere il naso a molti, soprattutto

Attualità

Boom di partite iva nel 2017

I dati a disposizione del Dipartimento delle Finanze hanno rilevato una crescita delle partite iva nel nostro paese. Rispetto infatti al mese di ottobre dello scorso anno si è registrato

Attualità

In Italia 10 mila ponti da revisionare

Secondo Antonio Occhiuzzi, il direttore dell’Instituto per le Tecnologie della Costruzione e del Consiglio Nazionale delle Ricerche, nel nostro Paese ci sono ben 10 mila ponto “scaduti” ovvero che avrebbero