Emilia Romagna: la Giunta approva il nuovo piano energetico

Emilia Romagna: la Giunta approva il nuovo piano energetico

La Giunta Regionale dell’Emilia Romagna ha approvato un piano per il rinnovamento energetico che conta un fondo di 245 milioni di euro se si contano i finanziamenti europei, nazionali e regionali. Oltre al focus sulle energie pulite e rinnovabili, i bandi e i finanziamenti prevedono lo stanziamento di risorse anche per l’innovazione tecnologica nel settore edile, per i trasporti, la formazione e la ricerca puntando in particolare sulla cosìdetta green economy.

Il piano è suddiviso in strategie da attuare triennalmente, il primo piano triennale di attuazione sarà infatti quello relativo al 2017-2019, e proseguirà fino al 2030 per supportare e rendere coerente la crescita regionale nell’ottica delle nuove direttive europee sull’impatto ambientale e la salute dei cittadini. La prima priorità individuata dalla giunta consiste nelle misure per la decarbonizzazione in tutti i settori, in particolare in quello industriale e dei trasporti pubblici.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 621 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

GSE: online il catalogo impianti di riscaldamento

Il Gestore dei Servizi Energetici nazionale ha appena reso disponibile un catalogo completo in cui poter trovare tutti gli apparecchi domestici per il riscaldamento che possono beneficiare dei bonus e

Ambiente

Abusi edilizi e demolizioni: nuova normativa

Il Senato ha approvato il decreto legislativo 580-B, noto come ddl Falagna, che riguarda le modalità e le procedure di demolizione per gli edifici segnalati come abusi edilizi. Per prima

Ambiente

32% di rinnovabili entro il 2030

Il nuovo accordo raggiunto di recente a Bruxelles sulla quota di rinnovabili che i Paesi membri dovranno raggiungere entro il 2030 innalza ulteriormente l’asticella a favore delle fonti di energia