0 2307 Views

Riforma appalti: le sei alternative al giudice

La Riforma sul settore appalti, al vaglio in questi giorni da parte del consiglio dei ministri, conterà ben 230 articoli che definiranno le norme che dovranno essere rispettate in materia dai professionisti nel campo dell’edilizia e delle costruzioni. Fra le riforme più importanti ci sono indubbiamente la certificazione Soa, che sarà necessaria solo per appalti superiori a un milione di euro, e le così dette “sei alternative al giudice” ovvero la risoluzione di contenziosi per via extragiudiziale.

Secondo la Riforma Appalti, le sei alternative riguardano gli accordi bonari fra le parti per lavori, servizi e forniture, il collegio consuntivo tecnico, la transazione, l’arbitrato e la definizione stragiudiziale sui pareri dell’Anas considerati vincolanti. Le norme sostituiranno la vecchia impostazione del settore con un periodo di transizione, con delle norme che regoleranno il passaggio dall’una all’altra regolamentazione degli appalti, che saranno indicate chiaramente nella Riforma in calce a ognuno degli articoli contenuti nel testo unico.

Previous Protocollo fra Enel e Architetti per il risparmio energetico
Next I ricorsi al Tar per edilizia sono sempre più numerosi

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Appalti

Aggiornamento Anac sugli illeciti professionali

L’Anac ha aggiornato il nuovo Codice Appalti con una serie di linee guida, aggiornate al Decreto Legislativo n. 56/2017. Con la sua Determinazione n. 1008/2017 infatti l’Autorità Nazionale Anti Corruzione

Appalti

Codice Appalti: pubblicati gli esiti della Consultazione MIT

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti aveva lanciato lo scorso 10 novembre una consultazione online, dedicata a PA, enti, aziende e professionisti operanti nel settore edilizia e costruzioni, per

Appalti

Obbligo del DGUE elettronico

Dal 18 ottobre, secondo quando già previsto nel Codice dei contratti pubblici, il Documento di gara unico europeo (DGUE) dovrà essere reso disponibile esclusivamente in forma elettronica. Fino all’entrata in