Al via il 31 gennaio il bando per la riqualificazione delle periferie
1420 Views

Al via il 31 gennaio il bando per la riqualificazione delle periferie

Sarà pubblicato il prossimo 31 gennaio il bando relativo al cosiddetto “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia”. La nuova Legge di Stabilità ha infatti previsto un fondo di 500 milioni di euro da utilizzare per migliorare il volto delle periferie delle città italiane, con progetti di edilizia e di mobilità urbana compatibili con le direttive europee . I progetti per la riqualificazione delle aree degradate potranno essere presentati dai comuni italiani anche medio-piccoli fino al 1° marzo 2016.

Il disegno di legge indica delle linee guida precise per la riqualificazione, non è infatti previsto consumo ulteriore del suolo, ciò significa che i progetti dovranno prevedere la riqualificazione con demolizione e ricostruzione di edifici già esistenti ma in condizioni fatiscenti o di abbandono e annettervi la progettazione di aree verdi, piste ciclabili e progetti che diano un nuovo volto ad aree in condizioni di degrado, per incentivare l’inclusione sociale e il benessere dei cittadini.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Impianto fototermico escluso dall’ecobonus

Il bonus dedicato alla riqualificazione energetica degli edifici esclude gli impianti fototermici, ovvero i sistemi per il recupero dell’energia in eccesso sviluppata da impianti fotovoltaici. L’esclusione è messa nero su

Ambiente

Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti

Con la soppressione del Sistri dal 1° gennaio 2019 il Ministero dell’Ambiente ha contemporaneamente attivato un nuovo  Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti che verrà gestito direttamente dal

Ambiente

Dal Cipe nuovi fondi per il dissesto idrogeologico

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha recentemente approvato un piano integrato per migliorare la situazione del dissesto idrogeologico nel nord e nel centro Italia. Gli interventi, valutati insieme