Al via il 31 gennaio il bando per la riqualificazione delle periferie

Al via il 31 gennaio il bando per la riqualificazione delle periferie

Sarà pubblicato il prossimo 31 gennaio il bando relativo al cosiddetto “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia”. La nuova Legge di Stabilità ha infatti previsto un fondo di 500 milioni di euro da utilizzare per migliorare il volto delle periferie delle città italiane, con progetti di edilizia e di mobilità urbana compatibili con le direttive europee . I progetti per la riqualificazione delle aree degradate potranno essere presentati dai comuni italiani anche medio-piccoli fino al 1° marzo 2016.

Il disegno di legge indica delle linee guida precise per la riqualificazione, non è infatti previsto consumo ulteriore del suolo, ciò significa che i progetti dovranno prevedere la riqualificazione con demolizione e ricostruzione di edifici già esistenti ma in condizioni fatiscenti o di abbandono e annettervi la progettazione di aree verdi, piste ciclabili e progetti che diano un nuovo volto ad aree in condizioni di degrado, per incentivare l’inclusione sociale e il benessere dei cittadini.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Ecobonus e case in comodato

Una recente sentenza della Commissione Tributaria dell’Emilia Romagna, la n. 1281 del 2018, ha chiarito come l’ecobonus governativo per la riqualificazione energetica di un edificio possa essere richiesta e accordata

Ambiente

Nuovo Regolamento sull’Autorizzazione Paesaggistica: interventi esclusi

Grandi novità nel campo degli interventi semplificati, ovvero tutti i lavori che non necessitano di autorizzazione preventiva da parte della pubblica amministrazione, o che necessitano di autorizzazione semplificata rispetto a

Ambiente

Otto nuovi inceneritori: via libera anche in Gazzetta Ufficiale

L’accensione di otto nuovi inceneritori in diverse regioni italiane (Umbria, Marche, Lazio, Campania, Abruzzo, Puglia, Sicilia e Sardegna) è ormai alle porte, nonostante il no dei comitati ambientali territoriali infatti