Edifici scolastici: il 58% non è a norma

Edifici scolastici: il 58% non è a norma

A un passo dall’inizio del nuovo anno scolastico, un’indagine del Miur che prende in considerazione i dati provenienti dall’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica sono circa il 58% del totale gli edifici scolastici che non rispettano i nuovi criteri della normativa antincendio e il 53% presenta importanti carenze dal punto di vista dell’agibilità. L’agibilità statica è stata riscontrata soltanto in ¼ delle scuole prese a campione e non va meglio dal punto di vista dei collaudi previsti per legge, che sono stati fatti soltanto dalla metà degli istituti monitorati.

Sul piano della verifica della vulnerabilità sismica non va certo meglio, dal momento che solo il 27% degli istituti ha effettivamente effettuato il controllo, in teoria obbligatorio fin dal 2013. Gli adeguamenti sismici sono stati effettuati su un esiguo numero di edifici adibiti ad uso scolastico (il 12% sul totale). Secondo i dati raccolti da Legambiente inoltre, oltre il 41% degli edifici scolastici su territorio italiano si trovano in zona sismica 1 o 2, e il 43% di tali edifici è stato costruito prima del 1976 quando ancora l’Italia non era dotata di normativa antisismica. L’anagrafe degli edifici inoltre risulta tuttora incompleta: mancherebbero all’appello oltre 6.315 istituti).

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 622 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Sostenibilmente: iniziativa per la sostenibilità ambientale

L’organizzazione no profit Kyoto Club, che unisce una rete di imprenditori, enti e associazioni che sostengono e promuovono l’abattimento delle emissioni inquinanti e nocive con iniziative a tutela dell’ambiente e

Ambiente

ZeroImpactLab: progetto per start­up innovative nel settore ambiente

In questi giorni l’importante media­network Lifegate, che conta più di cinque milioni di utenti che ogni giorno si interessano delle tematiche trattate nei portali della rete diretta dal giornalista Simone

Ambiente

Nuovi edifici e punti di ricarica elettrica

La direttiva 2014/94/UE sulla realizzazione di infrastrutture per combustibili alternativi conferma il nuovo percorso verso un’idea di città smart e sempre più attenta alla tutela dell’ambiente e alla qualità dell’aria.