Consultazione Pubblica per la Strategia Energetica Nazionale

Consultazione Pubblica per la Strategia Energetica Nazionale

Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, e il ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, Gian Luca Galletti hanno comunicato durante l’ audizione presso le Commissioni riunite Ambiente e Attività produttive delle due Camere che la partecipazione dei cittadini e delle imprese con suggerimenti, commenti e consigli durante la consultazione pubblica per la nuova Strategia energetica nazionale 2030 ha coinvolto 251 soggetti, per un totale di più di ottocento osservazioni da tenere in mente per la progettazione della nuova strategia per l’energia.
Grande attenzione si è messa sullo sviluppo dell’energia pulita e rinnovabile, il 18% dei commenti ottenuti nella consultazione pubblica infatti vertevano proprio su questo argomento. Anche l’efficienza energetica è un argomento caldo, si richiede soprattutto la promozione di un piano di efficientamento in vista degli impegni ambientali assunti dall’Italia a livello internazionale e globale: alcuni pensano infatti che la nuova Strategia Energetica Nazionale abbia un po’ tralasciato la questione, anche confrontando la portata dell’argomento con il SEN 2013 precedente.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 585 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Da settembre comunicazione Enea per ristrutturazioni

Dal mese di settembre partirà quanto già scritto nella Legge di Bilancio 2018, ovvero l’obbligo di comunicare all’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea)

Ambiente

Strategia Energetica Nazionale 2017

I bonus energetici sono fondamentali per raggiungere i risultati di efficienza energetica che ci chiede l’Unione europea. Proprio per questo motivo è stata ufficializzata nei giorni scorsi nella Strategia Energetica

Ambiente

Multa UE all’Italia per le acque reflue

L’ultima stangata l’Italia l’ha ricevuta in questi giorni per il mancato rispetto delle normative europee riguardanti la gestione delle acque reflue. La multa per il momento ammonta a una cifra