Il Manifesto della green economy per la città futura

Il Manifesto della green economy per la città futura

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha recentemente presentato il suo manifesto della green economy, un percorso in sette tappe per ripensare la città del futuro nell’ottica della sostenibilità ambientale e del riuso. La green economy deve infatti interfacciarsi maggiormente con i settori dell’edilizia e dell’urbanistica per lo sviluppo di questa tipologia di progettazione nelle città italiane, sempre più attente all’impatto ambientale delle nuove costruzioni e a progettare un nuovo volto per le città, meno inquinante e più votato alle aree verdi e al recupero di periferie abbandonate per progetti di valenza sociale e artistica.

Nel resto dell’Europa sono già tantissime le città che hanno preso l’impegno di modificare abitudini e stili di vita per renderle più vicine al concetto di green economy: a Copenhagen l’obiettivo è quello di diventare “carbon neutral” entro il 2025, Amburgo ha pianificato una rete ciclo-pedonale che entro il 2035 comprenderà il 40% dell’area cittadina. Seguendo questi esempi, anche l’Italia può avviarsi verso un nuovo corso dell’urbanistica grazie al nuovo Manifesto delle green economy per la città futura, cui hanno già aderito architetti e studi di fama internazionale. Il Manifesto è stato aperto alle adesioni alla presenza del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti durante il Meeting di Primavera capitolino.

Previous Approvata l’autorizzazione paesaggistica semplificata
Next Nuovo Codice Appalti: “tagliando entro due anni”

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Impianto fototermico escluso dall’ecobonus

Il bonus dedicato alla riqualificazione energetica degli edifici esclude gli impianti fototermici, ovvero i sistemi per il recupero dell’energia in eccesso sviluppata da impianti fotovoltaici. L’esclusione è messa nero su

Ambiente

Il 17,3% dei consumi in Italia viene da fonti rinnovabili

Buone notizie per l’energia verde e pulita: nell’anno 2016 trascorso infatti il 17,3% del fabbisogno nazionale di energia è stato coperto da impianti da fonti rinnovabili. Questo significa che ogni

Ambiente

32% di rinnovabili entro il 2030

Il nuovo accordo raggiunto di recente a Bruxelles sulla quota di rinnovabili che i Paesi membri dovranno raggiungere entro il 2030 innalza ulteriormente l’asticella a favore delle fonti di energia