Il Manifesto della green economy per la città futura
1865 Views

Il Manifesto della green economy per la città futura

La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile ha recentemente presentato il suo manifesto della green economy, un percorso in sette tappe per ripensare la città del futuro nell’ottica della sostenibilità ambientale e del riuso. La green economy deve infatti interfacciarsi maggiormente con i settori dell’edilizia e dell’urbanistica per lo sviluppo di questa tipologia di progettazione nelle città italiane, sempre più attente all’impatto ambientale delle nuove costruzioni e a progettare un nuovo volto per le città, meno inquinante e più votato alle aree verdi e al recupero di periferie abbandonate per progetti di valenza sociale e artistica.

Nel resto dell’Europa sono già tantissime le città che hanno preso l’impegno di modificare abitudini e stili di vita per renderle più vicine al concetto di green economy: a Copenhagen l’obiettivo è quello di diventare “carbon neutral” entro il 2025, Amburgo ha pianificato una rete ciclo-pedonale che entro il 2035 comprenderà il 40% dell’area cittadina. Seguendo questi esempi, anche l’Italia può avviarsi verso un nuovo corso dell’urbanistica grazie al nuovo Manifesto delle green economy per la città futura, cui hanno già aderito architetti e studi di fama internazionale. Il Manifesto è stato aperto alle adesioni alla presenza del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti durante il Meeting di Primavera capitolino.

Previous Approvata l’autorizzazione paesaggistica semplificata
Next Nuovo Codice Appalti: “tagliando entro due anni”

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

UE: Introdotto l’obbligo di Energia quasi a zero

La Direttiva UE 31/2010/CE è stata recepita in Italia e introduce l’obbligo, per tutti gli edifici pubblici costruiti dal 2019 in avanti, di dotarsi di impianti  a energia quasi zero

Ambiente

Nuova direttiva europea sul riciclo consapevole

Il 4 luglio entreranno in vigore anche in Italia le nuove norme europee sull’ambiente atte ad alimentare un’economia circolare incentrata sul riciclo, che punta a disincentivare le discariche a favore

Ambiente

L’Emilia-Romagna investe sull’edilizia green

L’obiettivo dichiarato della Regione Emilia-Romagna è arrivare al 50% di acquisti green ed ecosostenibili entro il 2018, una percentuale che sale a livelli ancora superiori nei casi di ricostruzione edilizia