Sbloccato il Fondo per il dissesto idrogeologico

Sbloccato il Fondo per il dissesto idrogeologico

Il ministro dell’Ambiente ha recentemente sbloccato, con la firma sul relativo decreto, il Fondo governativo dedicato alla progettazione sul dissesto idrogeologico. Il fondo ammonta a 5 milioni e 700 mila euro. In questo modo si sono già potuti sbloccare 14 progetti in Piemonte, cinque in Venezia Giulia e altri nelle regioni del centro nord. Questo è solo il punto di partenza, infatti le stime parlano di opere che toccheranno il valore totale di 280 milioni di euro, partite proprio da questo Fondo per la progettazione del dissesto idrogeologico.

La progettazione tempestiva e puntuale è un punto chiave per la lotta contro il dissesto idrogeologico nel nostro Paese, nelle grandi città così come nei piccoli comuni. Sono queste le parole con cui il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. Il fondo è già servito a finanziare la progettazione di grandi opere fra cui, Veneto, le casse di espansione per le piene del fiume Piave nel trevigiano l’estensione dell’invaso Montebello vicino a Vicenza. Uno strumento strategico e fondamentale che sarà presto replicato nelle altre Regioni italiane, dal momento che il rischio di dissesto idrogeologico deve essere tenuto sotto controllo da nord a sud.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 511 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Bonus verde e progettazione

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente chiarito un punto importante sul nuovo bonus verde, ovvero delle specifiche detrazioni Irpef dedicate a chi voglia rinnovare e rendere più accogliente il giardino di

Ambiente

Gazzetta Ufficiale: via ai fondi per lo smaltimento dell’amianto

Sono finalmente stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale i criteri per l’assegnazione dei fondi destinati allo smaltimento dell’amianto negli edifici e nei luoghi pubblici. I primi interessati alle azioni di bonifica

Ambiente

In Italia 5 milioni di case fuori controllo

Nel nostro Paese, secondo una recente stima effettuata dallo studio privato Sogeea dopo il terremoto di magnitudo 4 che ha messo ancora una volta in luce l’inadeguatezza dell’edilizia civile, ci