Arriva la Riforma delle Casse previdenziali

Arriva la Riforma delle Casse previdenziali

Le Casse previdenziali degli ordini professionali stanno per essere riformate, infatti è in arrivo entro il mese di aprile la proposta di legge per il Testo unico di riforma degli enti privatizzati, che conterrà importanti novità e una rististemazione profonda della normativa attualmente in vigore. Le casse più piccole, sotto i 60 mila iscritti, saranno accorpate fra loro entro cinque anni dall’entrata in vigore della nuova legge, e i CDA non potranno essere costituiti da più di cinque membri. Il testo è stato redatto dopo un’attenta analisi da parte di specifiche Commissioni Parlamentari incaricate del controllo sulle Casse.

Il decreto vuole porre rimedio a una situazione di ripubblicizzazione degli enti privatizzati, partita fin dagli anni Novanta. Le Casse infatti hanno personalità giuridica di diritto privato e da tali devono agire, resterà comunque la supervisione delle Casse da parte dello Stato, ma solo attraverso la Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione (Covip) e i ministeri del Lavoro e dell’Economia.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 511 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Amministrazioni: normativa di accesso qualificazione Anac

L’accesso alla qualificazione Anac nel settore appalti è regolato dall’ultima modifica all’articolo 38 del codice appalti con un nuovo articolo 24, entrato in vigore lo scorso 20 maggio e operativo

Normative

Nuovo Durc: le indicazioni Inail

Dopo la pubblicazione del nuovo Regolamento del Codice dei contratti pubblici, l’Inail spiega le nuove modalità di presentazione del Durc per imprese edili e in procedura concorsuale. La regolarità contributiva

Normative

Pubblica Amministrazione, no all’assegnazione diretta per beni e servizi infungibili

Fra le prassi comuni utlizzate dalla pubblica amministrazione vi è quella di mettere in deroga la legge sugli appalti per beni e servizi così detti infungibili, come per esempio i