Ancora pochi giorni per aderire al Piano Edilizia Scolastica

Ancora pochi giorni per aderire al Piano Edilizia Scolastica

Fino al 20 gennaio 2017 le Regioni avranno la possibilità di aderire al Piano governativo per gli interventi di edilizia scolastica, il cui fondo economico è stimato in 100 milioni di euro. Il piano prevede l’individuazione di territori idonei ad ospitare nuovi edifici scolastici innovativi dal punto di vista architettonico e strutturale. La disponibilità all’adesione al piano può essere data le Regioni, anche attraverso Città Metropolitane, Comuni e Amministrazioni Provinciali, anche in forma associata.

L’adesione deve essere effettuata telematicamente tramite il sito internet italiasicura.governo.it in cui è possibile trovare un modello da compilare predisposto dallo SMES (Struttura di missione per il coordinamento e l’impulso nell’attuazione di interventi di riqualificazione dell’edilizia scolastica) istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’invio dovrà essere effettuato tramite posta certificata PEC entro e non oltre le 20:00 del 20 gennaio 2017. L’indirizzo mail di riferimento è ediliziascolastica@pec.governo.it.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 511 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Novità sul progetto Salva Italia

Il progetto Salva Italia, dedicato alla ricostruzione e a una progettazione che tenga in maggior conto il rischio sismico nella fascia appenninica, comincia a prendere forma. Il 1° settembre si

Attualità

Piano antisismico per i Musei

Grazie al comitato scientifico del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo si è potuto attivare con il Decreto Ministeriale n. 106 del 19 febbraio 2018 un

Attualità

Eliminata l’autorizzazione paesaggistica per piccoli interventi

Privati e imprenditori potranno ridurre i tempi grazie alle novità introdotte dalla Riforma Madia, che elimina l’obbligo di autorizzazione paesaggistica per tutta una serie di lavori che non alternano l’aspetto