Bonus compra-affitta

Bonus compra-affitta

Il decreto legislativo n.133 del 12/09/2015 è diventato finalmente attuativo grazie al DM denominato sblocca-Italia. Con le nuove norme infatti sono previsti diversi sgravi per chi compra un immobile ad uso abitativo con lo scopo di locazione. In particolare, sono previsti sgravi fiscali fino al 20% del totale del costo complessivo d’acquisto.

Il bonus compra-affitta è valido solamente per le persone fisiche che acquistino un immobile, non è invece previsto se l’acquisto è effettuato da enti o persone giuridiche, di qualsiasi natura. Il tetto massimo di spesa per l’acquisto dell’immobile è fissato a 300 mila euro e deve essere concesso in affitto in un periodo che non superi i sei mesi dalla data di acquisto dello stesso. L’acquisto dell’immobile per cui si richiede il bonus deve essere effettuato fra il 1° gennaio 2014 e il 31 dicembre 2017. In questo modo il governo spera di risollevare ulteriormente il mercato immobiliare e il settore edilizio da una stasi che già dall’anno scorso ha dato i primi segnali di ripresa.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 511 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Sempre più imprese richiedono il “bollino di qualità” Antitrust

L’edilizia è uno dei settori in prima linea per la richiesta dell’attribuzione del rating di legalità, una sorta di bollino di qualità attribuito dall’Antitrust alle imprese considerate virtuose. Nel 2016

Attualità

Incentivi per impianti geotermici tecnologici

Nel più ampio panorama della riconversione a fonti di energia rinnovabile e della de-carbonizzazione, il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha firmato la bozza di decreto che prevede interessanti incentivi

Attualità

Responsabilità precontrattuale della PA per clausole ambigue

L’Adunanza Plenaria (il massimo organo di Giustizia Amministrativa) ha decretato che le stazioni appaltanti che nei loro bandi hanno delle clausole considerate ambigue e che in questo modo possono condurre